Lidia Poët, di Cristina Ricci

L’avevo detto: sono una spettatrice compulsiva di serie TV.
In settimana mi sono goduta il debutto su Netflix della novità “La legge di Lidia”. Liberamente ispirata alla storia di Lidia Poët, prima avvocata italiana, la serie ha come punti di forza la bellezza della protagonista, lo splendore dei costumi e una sofisticatissima Torino di fine Ottocento.
Incuriosita, ho deciso di documentarmi su questa donna straordinaria e mi sono imbattuta nel saggio che Cristina Ricci ha scritto per edizioni Graphot Lidia Poët – Vita e battaglie della prima avvocata italiana, pioniera dell’emancipazione femminile.

Il libro, frutto di una minuziosa ricerca, restituisce una figura molto diversa da quella interpretata da Matilda De Angelis, narrando la storia di una donna che ha dedicato la propria vita non solo all’inseguimento dell’avvocatura ma anche e soprattutto alla battaglia per i diritti delle donne, dei detenuti e dei rifugiati di guerra. In definitiva, una bella occasione per riportare alla luce una figura fondamentale per l’emancipazione femminile e il progresso sociale. 

L’AUTORE

Articoli correlati

Fantasmi di famiglia, di Maisy Card
“Allora, sei un giamaicano di sessantanove anni di nome Stanford, diminutivo Stan, e una volta hai inscenato...
Leggi articolo
1889, di Régis Jauffret
“Nel luglio del 1889, vicino al giorno di San Giacomo, lo Zio mi mise incinta. Lui mi ricorda spesso...
Leggi articolo
La vita di chi resta, di Matteo B. Bianchi
“Lo odio. Lo odio così tanto per quello che ha fatto. Come ha potuto gettarci in questo incubo?...
Leggi articolo