Il figlio dell’uomo, di Jean-Baptiste Del Amo

Il figlio dell'uomo

Un uomo torna dopo anni di assenza e porta moglie e figlio nell’oscuro ventre di una montagna, in una casa tetra in cui viveva con il padre, impazzito. Attorno a questi personaggi senza nome si svolge, in questo potente romanzo, l’antica tragedia che, da tempo immemorabile, va in scena nel crudele teatro della vita famigliare. In quella casa dalle imposte sgangherate e dal tetto in ardesia coperto da un telone nero, l’uomo non potrà, infatti, sfuggire al suo destino: ripetere la violenza del padre-padrone che ha caratterizzato la sua infanzia, nell’istante in cui la donna mostrerà i segni della nuova vita germogliata in sua assenza. E alla donna e al figlio spetterà ancora una volta l’antico compito di proteggersi a vicenda, quando in quel luogo inghiottito dalle montagne, tra drammi passati e segreti inconfessati, irromperà la follia dell’uomo. 

Dopo essersi aggiudicato a soli 26 anni il Goncourt per l’opera prima con Un’educazione libertina, Jean-Baptiste Del Amo, a cinque anni dalla pubblicazione di Regno animale, riprende a esplorare i temi che sono il cuore della sua scrittura: la trasmissione della violenza da una generazione all’altra; il confronto del mondo infantile con la brutalità del mondo adulto; l’ineluttabilità degli eventi che corrono verso un epilogo tragico inscritto nella natura dell’esistenza umana. Come ha opportunamente notato Clément Ghys su Le Monde, «scrivere, per Del Amo, è andare oltre la propria storia, inventare uno sguardo». Qui, è lo sguardo del figlio dell’uomo, restituito con una scrittura che, come un bisturi, penetra con assoluta precisione nelle ferite dell’anima e nel buio della mente.

Il figlio dell’uomo, Neri Pozza, 2023, traduzione di Riccardo Fedriga


«Il nuovo romanzo dell’autore di Regno animale è una corda tesa».
Le Monde 

«Violento, aspro, tragico come la montagna e la foresta in cui si svolge il confronto tra padre, madre e figlio».
Le Soir 

«Del Amo sa indiscutibilmente ordire romanzi a grandi campate ed è capace di svisceramenti della lingua del tutto eccezionali».
ttl – La Stampa


L’AUTORE

Articoli correlati

Il tuo posto felice, di Britta Teckentrup
Fascia d’età: 4+ La piccola stella splende luminosa su una testolina che non riesce a dormire.Seguimi…...
Leggi articolo
Fantasmi di famiglia, di Maisy Card
“Allora, sei un giamaicano di sessantanove anni di nome Stanford, diminutivo Stan, e una volta hai inscenato...
Leggi articolo
Non aspettavamo te, di Luca Tortolini e Serena Mabilia
Fascia d’età: 4+ Non aspettavamo te è un racconto molto delicato ed emotivamente coinvolgente.Rino,...
Leggi articolo